Servizio di arbitrato

L’arbitrato, sviluppato e potenziato dal sistema camerale, permette di affidare ad un terzo (o ad un collegio), al posto del giudice, la decisione della controversia insorta tra imprenditori e tra imprenditori e consumatori. Nel caso di arbitrato presso le Camere di commercio si parla di arbitrato amministrato, con il quale le parti, nella gestione della procedura relativa, si obbligano a rispettare i regolamenti dell’ente camerale. Affidare la risoluzione delle controversie all'arbitrato comporta spese di gran lunga inferiori a quelle occorrenti per il ricorso alla giustizia ordinaria e la riduzione dei tempi di attesa, in quanto la composizione delle controversie presenta caratteri di maggiore elasticità, non essendo soggetta ai vincoli formali e burocratici richiesti dal sistema giudiziale.
Il deferimento della lite alla competenza arbitrale deve essere stabilito dalle parti, le quali vi possono provvedere preventivamente, con una clausola compromissoria contenuta nel contratto che stipulano. In mancanza di detta clausola compromissoria, una volta insorta la controversia, le parti possono far ricorso alla procedura arbitrale mediante il cosiddetto compromesso, il quale deve essere fatto per iscritto e indicare l'oggetto della controversia, a pena di nullità.
Le Camere arbitrali si servono di regolamenti preventivamente adottati e recanti norme sullo svolgimento dei giudizi arbitrali. Detti regolamenti sono vincolanti soltanto per le parti contendenti che li hanno recepiti nel momento in cui si sono obbligate a far decidere la controversia insorta alla Camera arbitrale. La decisione del collegio arbitrale è denominata lodo, deve essere deliberata a maggioranza di voti e deve essere redatta per iscritto. In essa devono figurare le date e il luogo dell'atto di compromesso, o della clausola compromissoria, nonché l'esposizione sommaria dei motivi della decisione arbitrale e il dispositivo finale.

 

Modulistica:

fac-simile domanda arbitrale (PDF 17, 1 kB)

fac-simile memoria di risposta arbitrale (PDF 17 kB)

arbitrato: tariffe nazionali (PDF 10 kB)

arbitrato: tariffe internazionali (PDF 10 kB)

clausule arbitrali mediazione (PDF 22,4 kB)


La Camera di commercio di Fermo, in funzione associata con la Camera di commercio di Macerata, valorizza l’Istituto dell’Arbitrato, al fine di ridurre al minimo i casi di ricorso alla giustizia ordinaria, mediante la formazione di un elenco di Arbitri.La prerogativa è quella di porre particolare attenzione alla qualità e professionalità degli interessati onde poter formare un elenco di persone particolarmente esperte.
Gli interessati a svolgere le funzioni di arbitro per la Camera Arbitrale delle Camere di commercio di Macerata, in funzione associata con Fermo, sono pregati di trasmettere un curriculum vitae aggiornato, entro e non oltre il 14 febbraio 2015, dal quale risultino i sottoelencati elementi:

  • titoli di studio posseduti;
  • specifica competenza in materia arbitrale (indicare i corsi formativi in materia e le esperienze dirette come Arbitro);
  • esperienza maturata nella libera professione;
  • servizi prestati presso Pubbliche Amministrazioni o imprese private;
  • pubblicazioni in materie giuridiche o tecniche;
  • partecipazioni a corsi di formazione;
  • ogni altro elemento che dimostri l’idoneità allo svolgimento delle funzioni arbitrali, peritali o d’arbitraggio;
  • autorizzazione espressa alla Camera di commercio a compiere ogni accertamento necessario per verificare verificare quanto dichiarato, nonché all’uso dei dati personali per lo svolgimento delle proprie funzioni istituzionali, per le comunicazioni ad esso connesse ai sensi del Lgs. 196/2003.

Il Curriculum vitae, accompagnato da un documento di identità, dovrà essere indirizzato tramite PEC, a:

cciaa.macerata@mc.legalmail.camcom.it
(Consiglio Arbitrale – Camera di commercio Macerata)

oppure:

cciaa@fm.legalmail.camcom.it
(Segreteria Organismo di mediazione presso la Camera di commercio di Fermo).

Regolamento Arbitrale adottato dalle Camere di commercio delle Marche (PDF 1,88 MB )

Valutazione: 
No votes yet
Condividi questa pagina
Ultima modifica: 30/12/2016 - 10:12

Camera di Commercio delle Marche sede provinciale di Fermo - Corso Cefalonia, 69 - 63900 Fermo - cciaa@pec.marche.camcom.it - P.IVA 02789930423 - tel. 0734 217511

SITEMAP - Responsabile del procedimento di pubblicazione - Note Legali - Privacy